15
11
2017
contrazione-muscolare

Tipologie di contrazione muscolare

Scritto da: Redazione Aipt 0

La scorsa settimana abbiamo parlato dei tipi di fibre muscolari, questa volta vediamo quali sono le tipologie di contrazione muscolare e come queste possono essere più adatte nei vari esericizi in palestra.
In palestra si utilizzano spesso due terminologie: isotonica e isometrica per definire i tipi di contrazione muscolare. La contrazione isotonica o dinamica, è composta da due fasi, una concentrica o positiva che corrisponde all’accorciamento muscolare ed una eccentrica o negativa che corrisponde all’allungamento muscolare.
La contrazione isometrica, è invece un tipo di contrazione in cui il muscolo sviluppa tensione senza però modificare la sua lunghezza.

Contrazione muscolare e allenamento

La contrazione isotonica nella maggior parte dei casi è da preferire a quella isometrica, per la sua maggior efficacia neuromuscolare.
La contrazione muscolare isotonica è più utile perché si stimolano ad ampio raggio tutte le fibre muscolari coinvolte nel corso del movimento, oltre a questo si riesce ad esprimere il massimo ROM.
Come detto in precedenza, la contrazione isotonica è composta da due fasi quella concentrica e quella eccentrica, in quest’ultima il carico utilizzabile può essere anche del 40% in più rispetto a quello concentrico, per questo motivo le esercitazioni basate sulle contrazione eccentriche sono tra le più intense che si possono eseguire.
Anche nelle contrazioni isometriche il carico utilizzato può essere più alto, c’è però da sottolineare come nella maggior parte degli esercizi questo tipo di contrazioni sono poco efficaci, dato che si vanno a reclutare un minor numero di unità motorie rispetto a quelle che vengono coinvolte nelle contrazione isotonica.
Oltre a questo negli anni si è notato che la contrazione muscolare isometrica: determina un aumento della pressione arteriosa più alto nel corso dell’esercizio, una progressiva perdita di coordinazione motoria e un decremento delle proprietà elastiche nel muscolo.
Le contrazioni isometriche possono essere utili perciò solo in alcuni esercizi come ad esempio nei plank, dove questo tipo di contrazione può produrre degli adattamenti positivi nei muscoli stabilizzatori coinvolti.
Parlando sempre di contrazione muscolare, in palestra solitamente quando si svolgono gli esercizi con sovraccarichi si cerca di raggiungere il cosiddetto cedimento muscolare.
Che consiste nel terminare la serie di allenamento, quando si raggiunge l’incapacità nell’eseguire un ulteriore ripetizione. C’è da sottolineare che non esistono prove scientifiche che indicano univocamente che sia necessario raggiungere tale soglia, per indurre un effetto allenante.

Trasforma la tua passione per il Fitness in una Professione! Iscriviti al Corso Personal Trainer >>

L’Accademia Italiana Personal Trainer – AIPT è affiliata all’ASI (Associazioni Sportive Sociali Italiane), ente nazionale di promozione sportiva riconosciuto dal CONI e dal Ministero dell’Interno. Il Diploma e il Tesserino Tecnico Nazionale rilasciati al termine dei Corsi Personal Trainer sono validi su tutto il Territorio Nazionale.

Facebook
>
Twitter
  • Esercizi composti e monoarticolari! #aipt #workout #esercizi https://t.co/vM9bwf1ujI https://t.co/x9vzAaXlzi
    2 settimane Ago
SEGUICI SUI SOCIAL
Iscriviti alla Newsletter

Copyright Aipt © 2017 | Codice Fiscale: 97754410583 · Registro nazionale CONI: 216235