Somatotipi: Mesomorfo, Endomorfo e Ectomorfo

Nel corso degli anni sono stati svolti numerosi studi sui somatotipi, che hanno evidenziato come sia possibile in base alle caratteristiche fisiche di ogni individuo, valutarne le potenzialità genetiche nello sport. (Cureton, 1951; Tanner, 1964; De Garay, 1974; Heat, 1990).
Sulla base di questi studi, i somatotipi vennero classificati in tre figure di base: mesomorfo, endomorfo e ectomorfo.
Il ricercatore americano Sheldon negli anni 40-50, stabilì che solo il 30% circa della popolazione può essere definito come tipo puro, il restante 70% circa appartiene a categorie miste.

Il mesomorfo possiede caratteristiche fisiche perfette: spalle larghe, vita stretta, ottime masse muscolari e percentuale di grasso corporeo sempre molto bassa.
I soggetti mesomorfi possiedono delle ottime potenzialità genetiche, per la pratica di sport di forza e potenza, oltre chiaramente a discipline come il bodybuilding.

L'endomorfo ha delle potenzialità genetiche inferiori rispetto al mesomorfo, a livello scheletrico, presenta una larghezza delle spalle limitata, con bacino largo.
L'endomorfo in genere possiede delle buone masse muscolari, avendo però una percentuale di grasso corporeo sempre piuttosto elevata, per questo motivo un'alimentazione corretta e ipocalorica è probabilmente l'elemento più importante per ottimizzare i risultati in questa categoria di individui.

L'ectomorfo viene considerato l'Hardgainer per eccellenza, tra i 3 somatotipi descritti, probabilmente lo si può considerare il più penalizzato nella pratica di attività come il bodybuilding, dato che possiede scarse masse muscolari che non riescono ad aumentare di volume in maniera apprezzabile con l'allenamento.
A livello scheletrico è molto esile, con tronco corto e arti lunghi, mantiene però una percentuale di grasso corporeo in genere sempre limitata.
L'allenamento in palestra per l'ectomorfo deve essere periodizzato con molta cura, per evitare di incorrere in sindromi da overtraining, gli esercizi devono essere proposti tenendo conto del fatto che alcuni possono provocare un sovraccarico articolare maggiore, a causa delle leve lunghe degli arti.

Trasforma la tua passione per il Fitness in una Professione! Iscriviti al Corso di Personal Trainer >>

Coaching Online nel Fitness

Il Coaching Online è il servizio di consulenza a distanza che oggi viene offerto da molti Personal Trainer, con l'obiettivo di personalizzare gli allenamenti a distanza di un buon numero di clienti.
Il coaching online è un servizio utile per molti praticanti dei centri fitness, che funziona quando si instaura una buona relazione tra cliente e personal trainer.
Una volta che l'allievo raggiunge un buon livello di fiducia per il servizio di coaching online, sarà compito del personal trainer mantenere la giusta motivazione nel cliente, attraverso dei programmi di allenamento personalizzati che permettono di ottenere dei risultati quantitativi e qualitativi nel tempo.
Il rapporto a distanza tra il cliente e il personal trainer, può certamente essere consolidato grazie alle tecnologie, attraverso delle video call o altri mezzi di interazione multimediale, è infatti possibile avere un costante collegamento e confronto.
Nella fase iniziale e nelle successive fasi, questo genere di rapporto rende il coaching online molto stimolante per i clienti, che si sentono guidati meglio durante il percorso a distanza dal personal trainer.

Per chi è utile e con quale modalità il Coaching Online

Il coaching online è un servizio consigliato e adatto a tutte le persone che possiedono un minimo di esperienza in sala fitness, in particolare per quello che riguarda la pratica degli esercizi in palestra.
Il personal trainer a distanza non ha infatti la possibilità di correggere e assistere il cliente durante l'allenamento, è perciò necessario che l'allievo sia in grado di mettere in pratica senza problemi quanto viene riportato nei programmi.
Il coaching online è perciò adatto a tutte le persone con un minimo di esperienza, che vogliono affidarsi ad un professionista del fintess per il proprio allenamento in palestra o a casa.
È importante sottolineare come il personal trainer, può fornire un servizio di consulenza personalizzato per l'allenamento di clienti che non presentano particolari problematiche; può dare dei consigli sull'alimentazione da seguire, senza in alcun modo sostituirsi ad un nutrizionista che può proporre un regime alimentare personalizzato.
Nella fase iniziale di coaching online, è fondamentale che il personal trainer valuti insieme al cliente gli obiettivi da raggiungere in funzione del livello di forma iniziale, delle tempistiche e modalità.
In questa prima fase è molto importante che si instauri un ottimo rapporto tra il personal trainer e il cliente, per far sì che quest'ultimo sia motivato a mettere in pratica i consigli e i programmi di allenamento, come in ogni cosa la fiducia in quello che si sta facendo, permette di partire nel modo giusto e raggiungere buoni risultati nel tempo.
Nelle fasi successive il filo diretto e la collaborazione del cliente, permetterà di ottenere gli obiettivi prefissati, attraverso le programmazioni di allenamento sempre più personalizzate.
Il coaching online ha dei costi che possono variare a seconda delle esigenze dell'allievo, partendo da un minimo di 20/30 euro, arrivando ad un massimo di 150 euro.
Il percorso più adatto sarà legato alle disponibilità economiche del cliente e al livello di personalizzazione necessario per raggiungere gli obiettivi desiderati.

Trasforma la tua passione per il Fitness in una Professione! Iscriviti al Corso Personal Trainer >>

La Plicometria

plicometriaLa scorsa settimana abbiamo parlato della differenza che c'è tra il perdere peso e il dimagrire, questa volta vediamo qual è uno dei mezzi più utili a disposizione del personal trainer per valutare quali sono i progressi nella composizione corporea dei clienti, vale a dire la plicometria.
La plicometria non è l'unico mezzo per compiere una valutazione della percentuale di grasso, è però il metodo più veloce ed economico che un buon tecnico può utilizzare per monitorare l'andamento nella perdita di tessuto adiposo dei clienti.
La valutazione della composizione corporea con la plicometria, è largamente usata anche in campo medico per individuare le classi di popolazione più a rischio verso l'insorgenza di alcuni tipi di patologie, a tal proposito alcuni studi hanno evidenziato, come un accumulo di grasso corporeo a livello addominale, possa predisporre verso l'insorgenza di disturbi metabolici e malattie cardiovascolari (Bjorntorp, 1985).
Quindi al di là dell'obiettivo puramente estetico, tenere monitorata la percentuale di grasso attraverso la plicometria, può essere utile per valutare quali sono i rischi per la salute.
La plicometria, utilizzata fin dai primi del '900, è una tecnica semplice e non invasiva per la ricostruzione della percentuale di massa grassa.
La correlazione tra il grasso sottocutaneo con quello totale, subisce delle variazioni in funzione: dell’età, del sesso e delle caratteristiche morfologiche dell'individuo.

Come eseguire la plicometria

L'accuratezza e la precisione nelle rilevazioni, sono legate all'esperienza dell'operatore nell'identificare con esattezza i punti di repere e al tipo di calibro utilizzato (Pollock et al., 1984).
Sul mercato esistono diversi modelli di calibri, da quelli molto semplificati in plastica, a quelli elettronici, a quelli molto sofisticati utilizzati in ambito clinico.
I prezzi per i plicometri sono molto variabili, si passa infatti da un minimo di 15 euro ad un massimo anche di 800-900 euro.
Il costo non deve far pensare che più si spende e più accurata sarà la misurazione, in questo caso infatti è molto più importante la capacità dell'operatore che svolge la plicometria.
I punti di repere più utilizzati dagli studiosi, per la loro sensibilità alla distribuzione del grasso sottocutaneo, sono: il petto, la coscia, al di sopra della cresta iliaca, sull'addome, sul tricipite.
Per effettuare la misurazione, una volta identificato con precisione il punto di repere, con il pollice e l'indice distanti tra loro circa 8 cm, si va ad afferrare lo spessore della piega della cute e del tessuto adiposo corrispondente.
La plica deve essere a questo punto sollevata, su di una linea perpendicolare all'asse longitudinale del sito, pollice e indice vengono spostati l'uno verso l'altro, con la plica che viene stretta fra le due dita.
Se si utilizza un calibro di quelli semplici in plastica, la misurazione termina quando si avverte con le dita un leggera resistenza; se si utilizza un calibro meccanico, il valore espresso dal plicometro deve essere rilevato dopo 4 secondi.
Una volta effettuate le misurazioni, i dati vengono elaborati utilizzando delle equazioni, o più semplicemente tramite l'utilizzo di software appositi.
È importante seguire una procedura standardizzata nelle misurazioni, per ridurre il margine d'errore (Harrison, et al., 1988):

Trasforma la tua passione per il Fitness in una Professione! Iscriviti al Corso di Personal Trainer >>

L'Efficiacia del Personal Trainer per migliorare l'atteggiamento verso il Fitness

fitnessQuesta settimana presentiamo un articolo molto interessante che vuole dimostrare l'efficacia del personal trainer per migliorare l'atteggiamento dei clienti verso il fitness.

Se aspirate ad essere in forma o se siete insoddisfatti del vostro allenamento attuale, dovreste prestare attenzione all'infografica seguente.

Lo studio qui presentato è uno dei primi in ricerca accademica per dimostrare l'efficacia del Personal Trainer, e lo fa attraverso un'attenta applicazione del modello transteorico del cambiamento del comportamento.

Il modello transteorico del cambiamento del comportamento è un mezzo per valutare l'atteggiamento di un individuo verso un nuovo e più sano comportamento. Il modello prevede anche i processi attraverso i quali un individuo cambierà la propria mentalità verso uno stile di vita attivo e sano, che venga mantenuto costantemente.

Come valutare l'efficacia del Personal Trainer per migliorare l'atteggiamento verso il fitness

Per valutare l'efficacia del Personal Trainer, sono stati studiati 129 volontari  (età: dai 20 ai 65 anni). I partecipanti (i clienti) erano studenti universitari o dipendenti dell'Università.

Ad ogni cliente è stato assegnato un Personal Trainer per la durata del programma di 10 settimane.

Durante il primo incontro introduttivo, è stato chiesto ad ogni cliente di auto-valutare il proprio stato di preparazione motivazionale verso lo svolgimento dell'attività fisica secondo i seguenti 5 stadi:

- Pre-contemplazione (non intende praticare un'attività fisica),

- Contemplazione (sta considerando un cambiamento),

- Preparazione (è pronto a fare un cambiamento),

- Azione (impegnato in attività di Fitness, ma solo per un breve periodo),

- Mantenimento (mantiene un'attività di Fitness nel tempo).

In seguito ogni cliente ha incontrato il proprio Personal Trainer per un'ora a settimana per 9/10 settimane: si sono allenati assieme, hanno discusso sui vari problemi riscontrati e possibili soluzioni, hanno convenuto un programma di allenamento per gli altri giorni della settimana.

Risultati

Dei 129 clienti testati, 27 erano già nello stadio di Mantenimento e quindi non potevano passare ad uno stadio superiore. Nessuno di questi 27 clienti ha abbassato il proprio stadio.

A conclusione del programma, per i restanti 102 clienti si è evidenziato un significativo movimento verso l'alto: 61 clienti (60%) si sono alzati  di uno stadio,  13 clienti (13%) sono saliti di due stadi, 27 clienti sono rimasti nella stesso stadio e solo un cliente si è spostato verso il basso.

Il gruppo che ha mostrato la più alta percentuale di movimento verso l'alto (85%), era  inizialmente in Contemplazione (secondo stadio).

L'analisi dei risultati non ha evidenziato differenze significative che riguardassero le diversità di genere, età o professione dei clienti.

Conclusioni

Il dato maggiormente significativo è che il 57% dei soggetti ha avuto un movimento verso l'alto. Inoltre, se escludiamo i clienti che non potevano salire di uno stadio (perché già a livello massimo), il risultato è ancor più impressionante: dopo la fase di intervento di 10 settimane il 73% dei clienti ha migliorato il proprio atteggiamento verso il Fitness.

Dallo studio si evince in modo molto chiaro che l'effetto del Personal Training sull'individuo è un modo efficace per cambiare l'atteggiamento delle persone verso il Fitness.

 

un Personal Trainer può migliorare l'atteggiamento verso il Fitness

Inserisci la nostra Infografica nel tuo sito:

sei libero di inserire la nostra infografica nel tuo sito utilizzando il codice seguente:

<img src="https://aipersonaltrainer.com/wp-content/uploads/atteggiamento-verso-fitness.jpg" alt="Il Personal Trainer può migliorare l'atteggiamento verso il Fitness?" width="100%" class="infographic_embedder" />
<div class="infographic_attr"><p>Embedded from <a href="https://aipersonaltrainer.com/2015/02/01/personal-trainer-puo-migliorare-latteggiamento-verso-fitness/" target="_blank">Accademia Italiana Personal Trainer </a></p></div>

Trasforma la tua passione per il Fitness in una Professione! Iscriviti al Corso di Personal Trainer >>

Diventare un Personal Trainer

Sono molti gli appassionati di allenamento che decidono dopo anni dedicati alla cura di se stessi, di diventare un personal trainer, spinti dal desiderio di aiutare altre persone ad ottenere i propri obiettivi. Continua a leggere...

Diventa personal trainer aipt!

Sono aperte le iscrizioni per il corso personal trainer seconda sessione 2015 nelle sedi di Roma e Milano.
Il corso personal trainer AIPT porta al rilascio del diploma nazionale ASI di personal trainer.
L'ASI ente di promozione sportiva riconosciuto dal CONI rilascia il diploma che permette di intraprendere la professione di personal trainer a livello nazionale.
I posti per il corso personal trainer sono limitati, le iscrizioni chiuderanno all'esaurimento dei posti disponibili.

Diventa personal Trainer AIPT. Partecipa ai nostri corsi di Personal Trainer.

Nuova offerta di lavoro per i diplomati AIPT!

Una palestra di Roma ricerca istruttori, personal trainer e insegnanti corsi, diplomati AIPT, da inserire nel proprio organico.
Tutti i diplomati AIPT interessati alla proposta di lavoro, possono inviare la propria candidatura via mail a: info@aipersonaltrainer.com

OFFERTA DI LAVORO PER DIPLOMATI AIPT!

OFFERTA DI LAVORO PER DIPLOMATI AIPT!
Un'azienda fitness di Milano seleziona personal trainer diplomati AIPT da inserire nel proprio organico per servizi di personal training a domicilio.
Tutti i diplomati interessati all'offerta possono inviare la propria candidatura a info@aipersonaltrainer.com

Corso Base per Diventare Personal Trainer

Sono aperte le iscrizioni alla seconda sessione del corso base che permette di accedere al Corso per Diventare Personal Trainer!
I corsi AIPT sono a numero chiuso! Le iscrizioni chiuderanno una volta esauriti i posti disponibili!

DALLA PASSIONE PER IL FITNESS ALLA PROFESSIONE

Per molte persone il più grande sogno è quello di poter trasformare la propria passione in una professione. Riuscire a vivere di quello che ci piace, ci stimola e ci appassiona nel mondo del fitness è possibile, appagante e, aspetto da non sottovalutare, spesso anche redditizio. Continua a leggere...

QUANTO GUADAGNA UN PERSONAL TRAINER

Il guadagno dei Personal Trainer in Italia, può variare dai 30 ai 50 euro per ogni seduta di allenamento che solitamente dura circa un'ora. Ma quanto guadagna un personal trainer? Scopriamo di più. Continua a leggere...

Come Diventare Personal Trainer

Oggi in Italia sono presenti molte scuole o enti che organizzano corsi di formazione per diventare personal trainer, per questo motivo, molto spesso chi si avvicina a questo genere di corsi fa molta fatica a scegliere quello più adatto. Continua a leggere...

BODYBUILDING VS ALLENAMENTO FUNZIONALE

Un argomento molto attuale è il confronto tra bodybuilding e allenamento funzionale. Si discute spesso di quale metodo sia il migliore, vediamo insieme i vantaggi e gli svantaggi delle due metodologie: Continua a leggere...

ALLENAMENTO IN PALESTRA AL FEMMINILE

Le donne che frequentano le palestre solitamente includono poco gli esercizi con i pesi nelle sedute di allenamento, per l'immotivata paura che questi possano indurre un eccessivo sviluppo muscolare.
Continua a leggere...

Call Now Button
×