24
04
2019
articolazione-ginocchio-news-aipt

Articolazione del ginocchio: Attenzione agli esercizi

Scritto da: Redazione Aipt 0

L’articolazione del ginocchio è formata: dal femore, l’osso più lungo e pesante del corpo; dalla tibia, l’osso della gamba che si articola con il perone; e dalla rotula un voluminoso osso sesamoide che si forma all’interno del tendine del quadricipite femorale, muscolo estensore del ginocchio.
A livello dell’articolazione del ginocchio sono concessi i movimenti di flessione, estensione e leggera rotazione.
Dal punto di vista strutturale, il ginocchio è costituito da due articolazioni comprese all’interno della capsula articolare: quella tra tibia e femore, e quella tra rotula e femore.
Tra le superfici articolari di tibia e femore, sono presenti due formazioni fibrocartilaginee, il menisco laterale e mediale che fungono da ammortizzatori, adattando le superfici articolari durante i movimenti, fornendo in questo modo maggior stabilità.
I principali legamenti che stabilizzano l’articolazione del ginocchio sono:

  • il crociato anteriore, che limita lo scivolamento anteriore della tibia rispetto al femore;
  • il crociato posteriore, che limita lo scivolamento posteriore della tibia rispetto al femore;
  • il legamento collaterale mediale, che rinforza la superficie mediale del ginocchio;
  • il legamento collaterale laterale, che rinforza la superficie laterale del ginocchio.

Articolazione del ginocchio in palestra

Le patologie più comuni che colpiscono l’articolazione del ginocchio sono: la condropatia femoro-rotulea, le lesioni meniscali e le lesioni legamentose.
La condropatia femoro-rotulea, è una patologia provocata da una reiterata biomeccanica scorretta del ginocchio, in cui solitamente un atteggiamento in valgismo, conduce ad un disallineamento della rotula durante i movimenti di scorrimento all’interno della troclea femorale, quando il ginocchio si flette e si estende.
Questa biomeccanica scorretta, provoca una sofferenza nella cartilagine articolare della rotula e della troclea femorale che nel tempo conduce ad una vera e propria degenerazione della cartilagine articolare.
Nell’allenamento in palestra chi presenta una scorretta biomeccanica femoro-rotulea, è bene che eviti i movimenti in cui l’accosciata e troppo ampia, limitandola nel momento in cui si evidenzia l’atteggiamento scorretto dell’articolazione del ginocchio in valgismo; in alcuni casi, può dare giovamento uno stretching dei muscoli ischiocrurali e del tensore della fascia lata in caso di retrazione.
Le lesioni meniscali, possono essere provocate da un episodio traumatico o degenerativo.
Le lesioni meniscali traumatiche, vengono classificate in base al tipo di distorsione: in valgo, in cui viene colpito il menisco mediale, solitamente insieme al legamento crociato anteriore e al legamento collaterale mediale;
in varo, dove solitamente viene colpito il menisco laterale, insieme al legamento collaterale laterale.
Le lesioni meniscali degenerative, sono provocate solitamente da una scorretta biomeccanica dell’articolazione del ginocchio, come: nella condropatia femoro-rotulea; l’iper-utilizzo in compressione come in alcuni sport, compreso l’allenamento con sovraccarichi, o da un eccessivo peso corporeo.
In palestra chi ha delle lesioni meniscali, deve evitare nel corso degli esercizi l’arco di movimento doloroso, solitamente provocato dai carichi compressivi in catena cinetica chiusa come lo squat e gli affondi.
Le lesioni legamentose che colpiscono l’articolazione del ginocchio, solitamente sono di natura traumatica, colpendo più frequentemente il legamento crociato anteriore, a cui può essere associata una lesione del legamento collaterale mediale o laterale, a seconda del tipo di trauma.
Una lesione totale o parziale del legamento crociato anteriore, provoca un’instabilità nell’articolazione del ginocchio, in cui lo scivolamento anteriore della tibia rispetto al femore, detto cassetto anteriore, non e più limitato; nei casi di importante instabilità si ricorre all’intervento chirurgico.
In palestra in caso di lesione parziale del crociato anteriore che non provoca un’importante instabilità, si possono compiere esercizi per il quadricipite femorale solo a catena cinetica chiusa, tenendo conto che sarà più importante però il rinforzo dei muscoli ischiocrurali per evitare che si accentui l’instabilità del ginocchio; sono molto indicati anche gli esercizi propriocettivi.
Sono invece, assolutamente da evitare tutti gli esercizi in cui si provoca un’iperestensione nell’articolazione del ginocchio come nel caso della panca hiperextension.

Trasforma la tua passione per il Fitness in una Professione! Iscriviti al Corso di Personal Trainer >>

La Società Sportiva Dilettantistica Accademia Italiana Personal Trainer – AIPT a R.L. è affiliata all’ASI (Associazioni Sportive Sociali Italiane), ente nazionale di promozione sportiva riconosciuto dal CONI e dal Ministero dell’Interno ed è iscritta al n. 216235 del registro nazionale CONI. Il Diploma e il Tesserino Tecnico Nazionale rilasciati al termine dei Corsi Personal Trainer sono validi su tutto il Territorio Nazionale. Sede legale: Via Alfredo Fusco n. 118, 00136 Roma – tel. 800 910 269 email: info@aipersonaltrainer.com pec: aipt@messaggipec.it P.I. 14143901008 - C.F. 97754410583

Facebook
>
Twitter
  • Concluso il #CorsoPersonalTrainer #AIPT a #Milano e #Roma 😀 https://t.co/O3GkqaudMb
    6 giorni Ago
SEGUICI SUI SOCIAL
CONTATTACI SU WHATSAPP